Ricerca PAIDEIA

Nel dicembre 2017 il CPIA di Verona è stato nominato dal MIUR Centro regionale per lo svolgimento delle attività di Ricerca, Sperimentazione e Sviluppo, di cui all’articolo 28, comma 2, lettera b del D.M. 663/2016 per la Regione Veneto.

Il progetto di ricerca prevede l’analisi di due tematiche:

A – La lettura dei fabbisogni formativi degli adulti del territorio (D.D. 1250/15 art.3, co.4, lett.a);

B – La progettazione formativa e la ricerca valutativa nei percorsi di istruzione dei C.P.I.A. (D.D. 1250/15 art.3, co.3, lett.a).

 

Il CPIA di Verona fa parte della Rete Nazionale dei CPIA attivati come “Centri Regionali di Ricerca Sperimentazione e Sviluppo” composta da 17 CPIA (uno per ogni Regione).

 

I 17 Centri di Ricerca, Sperimentazione e Sviluppo si sono costituiti in una rete nazionale nel corso di un incontro nazionale che si è svolto a Montegrotto (27-29 marzo 2017) promosso da UCRIDA Veneto.

 

Il 30 maggio 2018, presso la Città della Scienza di Napoli, i 17 Dirigenti Scolastici dei C.P.I.A. d’Italia destinatari dei finanziamenti previsti dal D.M. 663/2016, articolo 28 c. 2 lettera b) hanno sottoscritto il Protocollo d’Intesa per costituire la Rete Nazionale dei CPIA attivati come “Centri Regionali di Ricerca Sperimentazione e Sviluppo”

 

Alla presenza dell’Ispettore Sebastian Amelio e del Direttore Generale Carmela Palumbo, le parti hanno concordato i seguenti obiettivi:

  1. Collaborare per definire organicamente e secondo linee di coerenza nazionale le iniziative progettuali proprie di ciascun Centro;
  2. Definire obiettivi comuni di ricerca declinati territorialmente, al fine di potenziare, nello scambio di esperienze, le specificità ambientali, sociali, e culturali dei territori;
  3. Operare all’interno della Rete in una logica di collaborazione reciproca e in osservanza delle finalità, mettendo a disposizione spazi e strutture;
  4. Finalizzare l’impegno di ricerca alla definizione di modelli operativi esportabili e ripetibili.
  5. Effettuare in collaborazione con la DGOSV, INDIRE e gli Uffici Scolastici Regionali competenti per territorio attività finalizzate alla valorizzazione delle esperienze in corso anche in una prospettiva europea.
  6. Promuovere periodici incontri di analisi, approfondimento, confronto e studio al fine di rendere i processi di ricerca allineati su standard elevati di condivisione e operatività;
  7. Favorire la comunicazione e la disseminazione di conoscenze, esperienze, modalità organizzative elaborate e definite nei processi di ricerca anche in collegamento con altre reti regionali, nazionali e internazionali nel quadro del Piano Nazionale PAIDeIA
  8. Facilitare la partecipazione del proprio personale alle opportunità formative offerte dalla Rete in coerenza con i piani triennali per la formazione;
  9. Rendere conto al Sistema Scolastico, all’Amministrazione, alla Società civile, anche mediante i canali informatici, dei risultati raggiunti nei processi di ricerca (Bilancio Sociale di Rete).

 

Il 16 gennaio 2018, a Gallipoli, si è svolto il terzo incontro dei 17 Centri di Ricerca d’Italia.

Coordinatore della Rete dei CRS&S è il Dirigente del CPIA 1 Cagliari, Giuseppe Ennas.